gio 02 agosto 2018 - ore 15:38

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale



di Ida Barbalinardo
"Giuro che questa terra non sta per finire giuro che io sento a volte una gioia cos grande, giuro che la gioia esiste, che esiste e io la sento, e giuro che non mi lascer intristire da nessun piagnucoloso profeta da nessun artista che mercanteggia col dolore, da nessuno che scorrazza nel sangue e me lo spiega da nessun imbonitore con le parole soffocanti. Giuro che io salver la delicatezza mia la delicatezza del poco e del niente del poco poco, salver il poco e il niente il colore sfumato, l'ombra piccola l'impercettibile che viene alla luce il seme dentro il seme, il niente dentro quel seme. Perch da quel niente nasce ogni frutto. Da quel niente tutto viene."

Chiesa di Santa Caterina, Specchia: arrivo in largo anticipo e mi posiziono immediatamente dinanzi all'entrata, ansiosa di riuscire a guadagnare i posti in prima fila. Programma di sala alla mano, riempio l'attesa lasciandomi trasportare da queste bellissime parole di Mariangela Gualtieri introdotte dal breve testo di Roberto Latini sull'incontro in cui si concretizzato il progetto di questo concerto poetico. Scrive Latini cha la poetessa cesenate, gli fece dono dei suoi versi in un campo colmo di lucciole. Le lucciole provo a figurarmele nella mente, io che in 23 anni di vita non le ho mai viste. E l'immagine di queste due splendide anime immerse nella natura e nel suo luccicare indistinto, mi porta in una dimensione immaginifica, quasi onirica, trascendentale, che contribuisce a rendere ancor pi trepidante l'attesa. Parallelamente a questo tripudio di emotivit per, si insinua in me una sensazione simile al senso di colpa: non avendo mai visto Latini in precedenza, non conoscendo i suoi lavori e il teatro in toto, ma essendo semplicemente una persona che muove i primi passi in questo mondo affascinante, sento di non essere totalmente legittimata a provare una cos forte emozione. Mi interrogo quindi, scavo dentro me stessa cercando una "giustificazione" a questo mio sentire. Riuscir a darmi una risposta soltanto a spettacolo terminato: per chi, come me, vive il teatro e ogni sua manifestazione come un atto d'amore da assimilare in ogni sua particella, inevitabile provare determinate vibrazioni dinanzi alla possibilit di incontrare due personalit tanto importanti, l'una concretamente, dal vivo e l'altra tramite i suoi versi.

Ad ogni modo, finalmente giunge l'ora di entrare: mi dirigo rapidamente verso la prima fila e riesco nella mia "impresa". Davanti a me ci sono soltanto pochi scalini e l'essenziale per lo spettacolo: un leggio e due microfoni. Due microfoni, perch? Mi chiedo, ma lo capir solo successivamente. Avvolto dalla luce calda che illumina l'altare, arriva Latini. Vestito di bianco e con i piedi scalzi, si muove verso il leggio con la leggerezza di una piuma. Il bianco. Il contatto con la terra. Sono attimi. Silenzio. Il fiato sospeso della sala viene spezzato dopo qualche istante dall'irruenza della sua voce graffiata, ruvida, dura. Il suo corpo e l'impianto di amplificazione si fondono in una danza sinuosa scandita dal ritmo che associa ai versi della Gualtieri. Un ritmo incalzante, dirompente; una variazione continua della modulazione vocale, una quasi periodica alternanza di toni alti e bassi, di acuto e grave, di maschile e femminile: sono queste le componenti principali della performance, associate a una selezione di testi che si connotano quasi totalmente per caratteristiche opposte. La poesia di Mariangela Gualtieri viscerale, naturale, al limite tra la realt e l'immaginazione senza alcuna pretesa, per, di astrazione o di esercizio stilistico fine a se stesso. Al contrario, i suoi componimenti sono prova della sua fedelt a se stessa, alla sua umanit, al suo vissuto e alla concretezza del quotidiano. Il linguaggio non propriamente aulico, ma scarno di virtuosismi, spontaneo e arriva dritto. Segna, commuove, taglia. Evidenzia la bellezza che in ogni cosa, esalta la delicatezza insita nella semplicit. La delicatezza del poco e del niente. La naturalezza di questi frammenti si scontra con il registro che utilizza lattore durante la performance, enfatico, crudo, irruente. E questo attrito tra due componenti divergenti mi regala una sensazione di smarrimento, di turbamento quasi, che forse, mi dico, era cercata. Questo incontro e l'emozione che si portato dietro per giorni, rimarranno incastrati fra la mia anima e la mia memoria in maniera indelebile.


postato da Koreja il ven 19 luglio 2019 alle 10:20 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




gio 06 giugno 2019 - 07:48

LO STUPRO VILE VIOLENZA, NON UNA MALATTIA

leggi tutto

mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALIT

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

Labito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dellautismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ci che dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA