mar 26 febbraio 2019 - ore 11:54

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'



di Ida Barbalinardo

foto Alice Stella

Nella lingua di Samoa, il termine "Fa'afafine" definisce coloro i quali non si identificano pienamente in nessuno dei due generi, ma in un genere intermedio, fluido. In virt della loro natura, queste persone non vengono assolutamente emarginate dalla societ in cui vivono, ma, al contrario, godono di considerazione e rispetto. Se pensiamo questa realt in relazione alla nostra bella Italia e ai dibattiti sul tema della sessualit emersi negli ultimi anni, il quadro che ne deriva risulta particolarmente avvilente: pregiudizio, moralismo, ignoranza dilagante, rifiuto della diversit. Specchio di questa mentalit il percorso tortuoso che lo spettacolo di Giuliano Scarpinato, intitolato appunto "Fa'afafine", ha dovuto attraversare fin dai suoi primi passi. Tratto da "Il mio bellissimo arcobaleno" di Lori Duron, mamma di un bambino di genere non conforme e pensato per coinvolgere grandi e piccini nel racconto, ha subto tentativi di boicottaggio e censura da parte di associazioni, partiti politici e genitori per nulla contenti all'idea che i loro figli potessero assistere alla sua messinscena. Sorge spontaneo chiedersi quale sia il pericolo tanto imminente ravvisato nei contenuti di questo spettacolo, considerando anche il fatto che gran parte di questa gente non ha neanche provato a vederlo. Le motivazioni addotte sono, come spesso accade in questi casi, pretestuose, infondate, ai limiti del complottismo e del bigottismo. "Fa'afafine" ritratto come rappresentazione della cosiddetta "ideologia gender" che, a loro dire, mette in crisi i concetti prestabiliti di genere, di famiglia e di matrimonio, lasciando gli adolescenti senza alcun punto di riferimento oggettivo. Si individua nel lavoro di Scarpinato e di chi, come lui, affronta tali tematiche l'intento dichiarato di deviare l'identit sessuale e la stabilit psicoaffettiva degli spettatori pi giovani: come se davvero uno spettacolo, un libro, un film potessero determinarle. L'argomentazione quella di chi crede che tutto, perfino la sessualit, possa essere racchiuso in uno schema oltre i cui limiti inammissibile spostarsi, negando al mondo una delle sue caratteristiche imprescindibili e pi affascinanti: la diversit. Ogni accusa non fa altro che rivelare l'ignoranza di chi la pronuncia: un tipo di ignoranza che non legata al numero di libri letti, ma alla sfera emotiva, all'incapacit di porsi in connessione con l'altro, di percepirne le emozioni e i bisogni. Un tipo di ignoranza che distorce il reale intento di questo spettacolo: concentrarsi, liberandosi dai pregiudizi e dalle presunte verit assolute, sulla necessit di guidare i ragazzi verso una libera ricerca della propria identit di genere, finalizzata esclusivamente al raggiungimento della loro felicit. Al centro della storia, interpretato da Michele Degirolamo, c' Alex White: un gender creative child che nei giorni pari si sente maschio e nei giorni dispari femmina. Non abita a Samoa, ma lo vorrebbe tanto, perch, nel posto in cui vive, non si sente n accettato n compreso. A occupare l'intera scena la sua cameretta: un mondo senza confini geografici e strutturali, in cui Alex pu trasformarsi ogni giorno in qualcosa di diverso; l'unico luogo in cui riesce a essere totalmente se stesso, a rifugiarsi dagli sfott dei compagni di scuola e dai suoi genitori, ai quali non permette di entrare nella sua dimensione perch teme che non capirebbero. Questo distacco dai familiari, esemplificato attraverso la proiezione della loro immagine intravista dalla serratura della camera, si palesa ulteriormente nel momento in cui Alex manifesta il desiderio di dichiarare il proprio amore a Elliot, suo compagno di scuola: per lui, Alex, vorrebbe essere tante cose insieme - bambino, bambina, ornitorinco, unicorno... - ma mamma Susan e pap Rob non riescono n ad accettare n a comprendere la sua diversit, anzi, tendono da subito a sminuire quelli che sono i suoi sentimenti. In una frenetica alternanza di confronti tra le due parti, momenti di sconforto e sogni di mondi possibili proiettati direttamente sulle mura della cameretta, si concretizza una sorta di rovesciamento delle parti, attraverso il quale Alex educher e condurr progressivamente i genitori all'accettazione della sua non conformit. Questi giungeranno cos al riconoscimento della sua identit multiforme, colta nel suo essere fonte di ricchezza e non motivo di disagio. La messinscena giocosa e il registro "fanciullesco" rendono unica la trattazione di una tematica di grande portata, fondendo al suo interno profondit e leggerezza. A dispetto di critiche e proteste, dunque, questo spettacolo riesce pienamente a scrollarsi di dosso l'accusa di deviare l'individualit degli spettatori pi piccoli e a dimostrare quanto invece favorisca una serena ricerca della propria identit di genere.


postato da Koreja il gio 12 dicembre 2019 alle 07:13 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




mer 11 dicembre 2019 - 14:55

IL PRESEPE REALIZZATO DAI MINORATI PSICHICI NELLA CASA DI LEONARDO

leggi tutto

mar 19 novembre 2019 - 15:10

Le case speciali delle ragazze e dei ragazzi. Che fare? Una domanda senza scadenza.

leggi tutto

mar 19 novembre 2019 - 14:46

Lamore avvolgente, bramato, tradito, maledetto, non corrisposto, incestuoso e lattualit di Ovidio

leggi tutto

sab 09 novembre 2019 - 09:51

LILIANA SEGRE: LA TUA SCORTA SIAMO TUTTI NOI

leggi tutto

mer 30 ottobre 2019 - 10:53

Finch posso immaginare sono libera

leggi tutto

mer 23 ottobre 2019 - 15:16

BUCHI NERI NELLA STORA

leggi tutto

lun 16 settembre 2019 - 14:50

LO STRANIERO NON IL MIO NEMICO

leggi tutto

gio 06 giugno 2019 - 07:48

LO STUPRO VILE VIOLENZA, NON UNA MALATTIA

leggi tutto

mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALIT

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

Labito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dellautismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ci che dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA