lun 15 aprile 2019 - ore 14:16

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI



di Ida Barbalinardo
Foto Alice Stella
Tutto ci che esiste viene percepito o compreso in relazione al proprio contrario. La vita stessa esiste solo se pensata in relazione alla morte. Ne consegue, dunque, che alla base del mondo in cui viviamo e della nostra sussistenza vi un'insanabile unione di opposti. Probabilmente, ci che emerge pi di tutto in "Shakespeare/Sonetti" proprio questo legame indissolubile: i celebri Sonetti shakespeariani sono qui ricostruiti in una nuova drammaturgia che traspone direttamente sulla scena l'essenza cosmica. Attraverso il racconto controverso dell'amore di un uomo adulto per un giovane ragazzo, infatti, prendono vita dinanzi agli occhi dello spettatore continui contrasti tra bianco e nero, luce e ombra, vita e morte, realt e delirio, spiritualit e carnalit, bene e male. Sul palcoscenico, seduto dietro a una grande scrivania quasi come se fosse stato tirato fuori da un libro di scuola, c' Shakespeare (Elena Serra) intento a leggere i suoi versi. Alle sue spalle, due figure si muovono come bambole in un carillon all'interno di spazi posti agli estremi del fondale: sono la Dark Lady (Michela Lucenti) e il Fair Youth (Marcello Spinetta), oggetto d'amore del Poeta. A irrompere in questa atmosfera surreale, avanzando verso il proscenio, il Poeta-Buffone (V. Malosti): ciuffo ossigenato, cerone sul volto, il corpo robusto avvolto in una tuta da clown paillettata. Muovendosi freneticamente sulla scena, declama I suoi versi rivolgendosi al pubblico e contemporaneamente al giovane ragazzo che si staglia dinanzi a lui. Si presenta come una figura paradossale, il Poeta: l'istigatore della risata e al contempo la vittima di essa. Recita utilizzando un tono canzonatorio e un atteggiamento irridente, incoerenti con i contenuti del testo. Il suo unico scopo sembra essere quello di divertire e intrattenere il suo pubblico, come suggeriscono le stesse risate da serie tv americana che vengono proposte in sottofondo alla fine di ogni battuta. Di fronte a questo cortocircuito di toni, intenzioni e contenuti differenti, le sensazioni di chi guarda sono altrettanto contraddittorie e oscillanti tra il riso, l'imbarazzo e il fastidio. Penetrando nello spettacolo per, la confusione dello spettatore va progressivamente diradandosi. Quella del Buffone, infatti, si rivela pian piano una maschera che cela un dolore e un obiettivo pi profondi: come il pagliaccio che disposto a divenire egli stesso spettacolo pur di intrattenere il proprio pubblico, il vecchio poeta non esita a coprirsi di ridicolo, a rendersi buffone, a perdere la propria dignit pur di compiacere il suo amato. Rispetto al Fair Youth egli si trova, infatti, in una posizione di ontologica inferiorit e questo suo essere subalterno plasma conseguentemente il linguaggio poetico: in un uso quasi cortese di rivolgersi al dedicatario in atto di sottomissione, le parole di Malosti si intessono di una retorica di lode costellata da numerose espressioni metaforiche. Il giovane ragazzo "un sole, un gioiello prezioso, un giglio, una rosa...", contrapposto al Buffone non soltanto per una questione anagrafica, ma anche per ci che concerne il versante estetico e per le suggestioni da esso ispirate. I lineamenti dolci del viso incorniciati dai folti capelli biondi e la pelle talmente candida da uniformarsi al pantalone bianco indossato, contribuiscono a definirlo emblema della bellezza idealizzata, simbolo di luce e grazia e unico baluardo di eternit contro l'incombere della morte. A rivelare quanta inquietudine ci sia dietro quell'apparente ilarit soprattutto la presenza di uno specchio sospeso in alto, chiara rappresentazione del paradosso insito nel concetto di identit. La nostra immagine proiettata allo specchio, infatti, coincide con la parte che ognuno di noi recita nella vita quotidiana, prodotto di fattori contingenti tra i quali la nostra cultura e la nostra classe di appartenenza. Aldil dello specchio e dell'apparenza, c' l'abisso della nostra interiorit, tanto fuggevole e indefinita da non rientrare nelle regole dello stare al mondo e per questo spesso repressa. Ma siamo a teatro e se nella vita umana vincono le maschere, qui, la verit nascosta ad essere svelata e dichiarata: lo specchio viene lentamente calato sul palcoscenico diventando un letto e a subentrare la Dark Lady. Opposta al Fair Youth, questa, lo specchio perverso del Poeta-Narratore, tutto quello che egli non vorrebbe essere ma che in parte, suo malgrado, . Con I capelli raccolti in uno chignon alto, cinta da un lungo e largo vestito nero, il simbolo della lussuria, che il Poeta vive con sentimenti contrastanti.

"[...] e finch in atto, la lussuria
spergiura, assassina, sanguinaria, carica d'infamia [...];
non appena goduta e subito disprezzata,
oltre ragione rincorsa e non appena ottenuta,
oltre ragione odiata, come esca inghiottita,
tesa di proposito per rendere pazzo chi vi abbocca;
[...]
Tutto ci il mondo ben sa, eppure nessuno sa bene come evitare il paradiso che conduce gli uomini a questo inferno."

Cos Shakespeare, nel Sonetto 129, parla dell'ossessione del corpo: s un grande dolore, ma a posteriori. Nell'attesa essa una gioia e nell'atto stesso, una benedizione. Un concetto, dunque, che racchiude in s una coesistenza di opposti. Diversamente dal Fair Youth, la Dark Lady fatta di carne, colpe e oscurit. Non rappresenta la bellezza idealizzata, ma l'imperfezione, la fragilit e la fallibilit umane. Attraverso una danza surreale, durante la quale lentamente scopre il suo corpo, la Lussuria coinvolge l'anima e il corpo del vecchio poeta. La definitiva prostrazione di quest'ultimo al potere dell'Eros sar suggellata dall'immagine danzante e nuda della Dark Lady mentre morde la mela, simbolo del peccato, e dalle parole di Domenico Modugno.

"Dio come ti amo
mi vien da piangere
in tutta la mia vita non ho provato mai
un bene cos caro
un bene cos vero
che pu fermare il fiume
che corre verso il mare."

E ancora.
"Tutto il mio folle amore
lo soffia il cielo
lo soffia il cielo
cos."

Cullato dal dolce canto di Michela Lucenti (Dark Lady), il pubblico assiste al palesarsi definitivo del tormento del Poeta: inghiottito dal richiamo dei sensi, ormai un uomo totalmente sconfitto, frustrato, umiliato. Un tormento che si riflette anche nel suo linguaggio scevro da ogni ornamento, per lasciare il posto a una poesia pi istintiva e naturale. Ad aggravare questa sua condizione la comparsa del Poeta Rivale (Maurizio Camilli). Giovane ragazzo anch'egli, presenta tratti fisici pi duri e aspri di quelli del Fair Youth e compare in scena indossando un pantalone nero. La sola vista della sintona del suo amore con il Rivale, basta al Poeta per perdere anche la pi piccola speranza rimasta. Non servir lo sterile rapporto sessuale tra quest'ultimo e il Fair Youth simulato su una parete al lato della scena, al contrario, l'effimera soddisfazione della carne contribuir ad allargare ulteriormente la voragine creatasi nel petto del Poeta-Narratore e ad allontanarlo ancor di pi dal suo oggetto d'amore. Un finale che non porta con s alcuna morale o soluzione definitiva, ma esclusivamente la presa di coscienza, da parte dello spettatore, della natura ossimorica di se stesso e del cosmo. "Shakespeare/Sonetti" di Valter Malosti forse questo: la dimostrazione dell'inscindibilit degli opposti, uno spazio abitato dai recessi dell'anima di uno che diviene moltitudine.


postato da Koreja il ven 19 luglio 2019 alle 10:20 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




gio 06 giugno 2019 - 07:48

LO STUPRO VILE VIOLENZA, NON UNA MALATTIA

leggi tutto

mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALIT

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

Labito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dellautismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ci che dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA